A Nadia

Chiunque abbia affrontato la questione Taranto, ha avuto modo di seguire il lavoro di Nadia Toffa. In questi giorni si è manifestato un profondo rammarico per la perdita di una persona che, al di là dell’info-intrattenimento di stampo berlusconiano,  ha prestato la propria immagine per una raccolta fondi finalizzata alla attivazione di un piccolo reparto oncologico pediatrico a Taranto, e alla elargizione di borse studio per ricercatori in ambito medico.

Un primo timido  tentativo di costruire una struttura sanitaria sul territorio, totalmente autofinanziata. Struttura in realtà promessa dal governo Renzi e ovviamente mai costruita, a causa di un taglio di fondi pari a 50 milioni di euro. Se si deve avere, da queste parti,  il cattivo gusto di ammalarsi e crepare, nonostante tutte le opportunità elargite alla città dallo Stato italiano,  che lo si faccia in terra straniera, in modo da alimentare il business del caro estinto. Questa la risposta, nei fatti, da parte della politica.

Al di là della satira, che lascia il tempo che trova, Nadia ha contribuito a raccogliere una cifra pari a 700 mila euro, indossando una  maglietta e prestando il suo volto, attraverso l’uso consapevole di un contenitore puramente commerciale,  a un  progetto che avesse senso. Crediamo valga la pena ricordala soprattutto per questo, al netto di tutte le polemiche su come abbia affrontato la sua patologia, come se esista un modo giusto o sbagliato di vivere una malattia.

Si potrebbe obiettare che a questo mondo siamo tutti attori, ma indubbiamente c’è chi recita meglio… e Nadia ha perfettamente incarnato il suo ruolo di essere umano e di professionista.

Per chi consideri di cattivo gusto l’associazione tra un evento luttuoso e  una canzone apparentemente leggera e “allegra”, consigliamo di leggere, su qualche sito specializzato,  il  reale significato  della composizione Guantanamera. E comprenderà il perché abbiamo voluto omaggiare in questo modo  Nadia e il suo ricordo. La musica quasi mai è leggera.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...