Storie d’Italia

Con il vostro aiuto vorremmo raccogliere testimonianze di ammalati oncologici nella città di Taranto.  Memorie, diari, brevi annotazioni che raccontino la malattia oncologica in tutte le sue  sfaccettature, dando un volto ai numeri statistici che non permettono una reale comprensione del problema e della sua portata  a livello sanitario. Ci rendiamo conto che in una società di plastica, dove il maggior  problema esistenziale è costituito dall’acquisto dell’ultimo cellulare alla moda,  raccontare  storie del genere rischia di irritare profondamente,  a fronte delle retoriche banalità con cui riempiamo una vuota  quotidianità. E proprio in virtù di questa irritazione – che in realtà ci auguriamo di creare – continueremo a raccontare queste storie.

Tutti noi abbiamo consapevolezza di quanto sia fondamentale conservare la memoria collettiva di una contemporaneità troppo spesso negata o edulcorata.  I diari, le memorie o anche brevi racconti saranno ovviamente  restituiti. Realizzeremo delle copie per un progetto di pubblica condivisione, omettendo, se lo richiederete, i vostri reali nomi.

Vorremmo inoltre piacere fotografare i vostri corpi e soprattutto le cicatrici post operatorie.  O semplicemente riprendere i vostri volti,  nel corso delle interviste, per favorire quel processo di identificazione con l’Altro che la società dello spettacolo, e della spettacolarizzazione dei sentimenti più grevi,  ha fortemente compromesso.

Un corpo segnato dalla malattia non ci spaventa, e crediamo non debba essere assecondata una società  fatua e abituata alla “perfezione estetica”, e a un concetto di salute o di sanità che troppo spesso rasenta la psicopatologia mentale.  Né vi chiediamo di essere dei  “guerrieri” o dei “vincenti”, categorie mentali figlie di una retorica qualunquista e che  ammorba l’ammalato oncologico con stupide  richieste, tra cui di dover dimostrare d’avere coraggio a ogni costo.  O, al contrario, di dover vivere la propria malattia, nascondendosi dalla morbosità di una società che, in realtà, nutre una profonda repulsione per qualsiasi forma di “diversità”,  ridicolizzano, banalizzando e negando  qualsiasi patologia. La malattia e la morte terrorizzano. Come spaventa il dolore, specie se immotivato o inatteso. E’ qualcosa di assolutamente naturale. Ma  vi assicuriamo che mette  ancor  più a disagio l’ottusa ignoranza su simili problemi, molto più comune di quanto si possa immaginare.

Non vi chiediamo di essere forti,  innanzi a una telecamera, a una macchina fotografica o attraverso i vostri scritti, e di recitare il ruolo di vincenti ad ogni costo,  ma di raccontarci la vostra quotidianità, fatta di alti e bassi,  e  di permetterci di rappresentarvi al meglio. Non vi consideriamo  trofei da esposizione, oggetti con cui trastullarci,  né cerchiamo gente da esibire in pianti a dirotto,  per goderne dell’umiliazione pubblica, alla ricerca del facile sensazionalismo.  Abbiamo solo necessità di conoscere e rappresentare persone indubbiamente  portatrici di esperienze dure, complicate, estreme, ma illuminanti  per noi e per quanti avranno modo di ascoltarvi.

Considerate questo blog, nonostante tutte le possibili e comprensibili reticenze iniziali, come un  primo tentativo di  raffigurare una parte della città che è perennemente negata da una forma di ipocrisia pubblica e  collettiva.  Più negate a voi stessi il diritto di parola, un diritto che avete, e che nessuno può togliervi,  più permetterete a una politica cialtrona, superficiale e pressapochista di decidere in vostra vece.

Quanti vogliano aiutarci in questo progetto, donando diari, memorie, racconti, rilasciando interviste, o permettendoci di ritrarre corpi  segnati dalla malattia  possono scrivere al seguente indirizzo di posta infoaneripictures@gmail.com. Saremo lieti di accogliervi,  rispondendo quanto prima.

Al seguente link troverete il progetto, denominato ” Vite di Acciaio”,  in fase di attivazione

One comment

Rispondi a alessandria today Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...